Londonio Francesco Serie completa di 12 Acqueforti dedicata al Cavaliere Inglese DUNDAS

15.000,00

Disponibilità: 1 disponibili

COD: Sdt 01 Categoria:

Londonio Francesco

Serie completa di 12 Acqueforti dedicata al Cavaliere Inglese DUNDAS*

 

Francesco Londonio (Milano, 1723 – Milano, 1783) è stato un pittore italiano.

Londonio Francesco di famiglia patrizia, di probabili origini spagnole, sembra che da giovane abbia compiuto un viaggio nel Meridione d’Italia, stabilendosi soprattutto a Napoli. Ebbe vita tranquilla, senza fatti di rilievo trascorsa tra i libri e nei salotti milanesi (il padre morì nel 1757, Francesco nel 1768 sposò una certa Cecilia Briaschi). Il Ticozzi segnala a proposito dei suoi lavori la “Limpidezza del suo carattere”. Ebbe l’incarico di Direttore della quadreria dell’Accademia di Brera. Il Rovani lo cita nel suo romanzo storico Cento Anni. Fu allievo di Ferdinando Porta, e si dedicò soprattutto alla pittura di scene pastorali e di animali, temi nei quali è considerato uno dei migliori pittori della sua epoca. La sua tecnica è solida, fino al virtuosismo, il suo tratto è ben riconoscibile, il suo disegno è piacevole e astuto, con un abile uso della biacca, particolare questo che rende le sue opere assimilabili ai pezzi unici. Tende a trasformare tutto, compreso il paesaggio, in elemento decorativo. Il Londonio ha probabilmente dato il meglio di sé nel disegno e nella incisione, che apprese da Benigno Bossi. Per quanto i temi siano sempre gli stessi c’è più freschezza e poesia, più immediatezza, nelle sue acqueforti, mentre le sue tele di grandi dimensioni sono spesso bozzetti dilatati, e lo spirito del disegno e del bozzetto viene in gran parte perduto. La serenità d’animo del Londonio, la sua visione un po’ salottiera della vita pastorale (“pastorelle da minuetto” furono definite le sue figure, e un “ottimista perfetto” fu definito il pittore) sono chiaramente evidenti anche nelle sue incisioni. Libriantichierari è lieta di presentare una serie di acqueforti dedicata al Cavaliere Inglese DUNDAS*, trattasi di una serie completa di 12 acqueforti su carta ritoccate a biacca per mano dell’artista, “serie di soggetti pastorali” (1762-63) di cui esiste una serie completa nella raccolta Bertarelli a Milano. I soggetti sono quelli cari all’autore, animali e scene di vita contadina e pastorale. Le infinite combinazioni dimostrano la padronanza perfetta di questo repertorio. Il Londonio realizzava veloci schizzi all’aperto, creando un archivio di immagini che poi elaborava e combinava in studio. Il gusto per il dettaglio decorativo è evidente nel grande numero di particolari: cesti di frutta, castagne, pentole. L’ottimismo sereno del Londonio è presente in tutte le scene, ma la leziosità arcadica non è mai fastidiosa. Tutte le opere sono in cornici d’epoca in “bois de rose”, protette da vetro soffiato. La carta è un po’ brunita, qualche alone è evidente, ma lo spettacolare insieme è in condizioni di ottimo.

 

* DEDICA Al nobile Sig. DUNDAS Cavaliere inglese amatore delle belle arti al quale Francesco Londonio milanese ha l’onore di dedicare questi suoi studi. Da esso medesimo incisi nella speranza che saranno di buon grado accettati e con il più profondo rispetto.