Cenni sulla vita di S. Carlo Borromeo cavati dalle Storie Patrie del Ripamonti dal Conte Tullio Dandolo

60,00

Giuseppe Ripamonti (Tegnone, agosto 1573 – Rovagnate, 11 agosto 1643) è stato un presbitero e storico italiano, fu cronista della peste del 1630 di Milano; scrisse una Storia di Milano e una storia della Chiesa milanese. Fu latinista presso il cardinale Federico Borromeo e Real Historico presso il Governo spagnolo di Milano. Subì un processo da parte del Sant’Uffizio in circostanze ancora non del tutto chiarite. Dimenticato per quasi due secoli, nel XIX secolo ispirò Alessandro Manzoni e fu la fonte storica principale de I promessi sposi. A lui è intitolata la via più lunga di Milano, nei pressi della quale Alessandro Manzoni stampava le proprie opere.

Disponibilità: 1 disponibili

COD: Sdt 103 Categorie: , ,

Ripamonti Giuseppe

Alcuni brani delle storie patrie di Giuseppe Ripamonti per la prima volta tradotti dall’originale latino dal C. T. Dandolo.

Milano, coi Tipi di Antonio Arzione, 1856

Volume in 8° (cm. 22,7 x 15), pp. 170, (2), brossura editoriale in carta leggera con titoli entro cornice alla coperta superiore, rara prima edizione. Al titolo originale presente al frontespizio è stato dato alla brossura editoriale un nuovo titolo “Cenni sulla vita di S. Carlo Borromeo sul Concilio di Trento e sulle Riforme Cattoliche cavati dalle Storie Patrie del Ripamonti dal Conte Tullio Dandolo”, questo probabilmente al fine di meglio descrivere i contenuti del volume e di conseguenza agevolarne la vendita. Qualche segno del tempo ma è buona copia da collezione.

Torna su